Biodinamicavda

Semi preziosi

semipreziosi logo-3

Il settore dell’educazione è importantissimo per diffondere tra l’opinione pubblica una corretta conoscenza del valore dell’agricoltura biologica e biodinamica e più in generale tutti concetti legati all’educazione ambientale ed al rispetto della natura.

Il Presidente dell’Associazione Attilio Perrone da sempre lavora nel settore agricolo dedicandosi anche ad attività divulgativa e didattica a contatto con adulti e bambini. Negli ultimi anni i progetti che l’Associazione ha costruito sono nati  e cresciuti grazie all’incontro tra diversi esperti, professionisti e volontari, in particolare:

  • Valérie Obino (architetto) e Lucia Bich (biologa), ideatrici e coordinatrici del progetto “Semi preziosi” (percorso di educazione ambientale c/o la scuola primaria di St Pierre tra 2010 e 2012). 
  • Nel 2014 hanno lavorato insieme alla creazione dell’orto scolastico dell’Istituzione Emile Lexert di Aosta “Orto Milò / Ortinquartiere”, inserendo nel team anche Antonia Tosi (biologa, ideatrice del progetto “Orto fatato” svoltosi presso alcune scuole dell’infanzia valdostane nel 2013-2014 e di laboratori e merende sane) e coinvolgendo attivamente le Associazioni del Quartiere Cogne (Tavolo delle Risorse) ed il centro anziani del Comune (Assess. Politiche sociali).
  • In occasione della nascita del progetto “Orto din don” e dell’“Hortus inclusus” abbiamo affiancato all’équipe Chiara Del Missier, grafica creatrice del sito dell’Associazione biodinamica e Maria.
  • Nel 2015 abbiamo creato un orto didattico nel cuore della scuola secondaria di I grado Maria Ida Viglino a Villeneuve : i ragazzi hanno chiamato “Green school” questo luogo di condivisione e trasformazione e lavorato con Attilio, Valérie e Lucia; oggi l’orto è un’aula verde a disposizione degli insegnanti e dei ragazzi.
  • Nel 2016 il progetto dell’Hortus inclusus si è consolidato grazie alla professionalità di Massimo Cattaneo, esperto giardiniere e appassionato di permacoltura, e alla passione di Giampiero, Giusi, Sergio; con loro è stato possibile attivare i progetti con le scuole e formare giovani migranti pieni di entusiasmo come Mamadian e Abubacar.
  • Nel 2017 è nata la preziosa collaborazione con Veronica Bossi, pedagogista e ortoterapeuta, che ha aggiunto un ulteriore tassello al progetto; abbiamo accolto Francis, Zia e tanti altri giovani.
  • Nel 2018 all’Orto S. Orso si sono aggiunti Mimma, Dada e Graziano tra i volontari e si è consolidata la collaborazione con gli agricoltori del Collettivo la Terra che ride (Fabio, Paolo, Cristina e tutti gli altri).
  • Dal 2019 sono arrivati Ugo e Danila ed è iniziata la collaborazione con Luca Ceragioli, geologo esperto in ambito educativo e scientifico-naturalistico che accoglie le classi nell’orto didattico, e le tate Silvana e Angelica.

In questa sezione potete trovare in dettaglio la descrizione dei progetti più significativi. Qualcuno è tramontato, qualcuno è andato avanti con le sue gambe e qualcuno è appena sbocciato e sta crescendo. Ad ogni modo ogni persona, come ogni progetto, è per noi un seme prezioso che ci auguriamo possa portare lontano i valori nei quali crediamo…

P1070101s